Il gioco è vietato ai minori di anni 18.
Giocare troppo può causare dipendenza patologica.
Risultati da 1 a 5 di 5
Like Tree3Likes
  • 3 Post By Alex

Discussione: [#ChiediloaCbet] TFR in azienda o in fondo pensione

  1. #1
    Fish
    Registrato il
    Nov 2013
    Reputazione
    0
    Posts
    10
    Citato in
    1 Post(s)

    Predefinito [#ChiediloaCbet] TFR in azienda o in fondo pensione

    Ciao a tutti,

    Ho da poco cambiato lavoro, passato da società di consulenza finanziaria piccola a banca privata. Ora devo decidere se lasciare il TFR in azienda o investirlo in fondo pensione.

    Se decidessi di versare, oltre al TFR, un contributo volontario al fondo pensione questo verrebbe matchato dalla banca fino al max 1% dello stipendio lordo mensile.

    Posto che la soluzione fondo pensione mi piace poco, ma lasciare i soldi fermi forse anche meno, cosa mi conviene fare?

    (a) lasciare TFR in azienda, in modo da ritirarlo ed investirlo personalmente in caso dovessi cambiare nuovamente posto di lavoro

    (b) fondo pensione + 1% matchato. In questo caso, ha senso mettere l'intero TFR o solo una % di questo?

    Non conosco bene la normativa a riguardo, mentre il fondo pensione (amundi secondapensione) convenzionato ha una serie di regole/limitazioni (accesso ai fondi non prima di 8 anni, + una serie di opzioni una volta raggiunta l'età pensionabile che però è ben lontana) che non mi piacciono molto, ma potrebbero essere assolutamente normali.

    Consigli?
    Ringrazio anticipatamente chi vorrà aiutarmi nella scelta!
    Ultima modifica di jamil; 20-03-2018 alle 20:56

  2. #2
    Calling Station L'avatar di Alex
    Registrato il
    Nov 2008
    Località
    Bologna
    Reputazione
    32
    Posts
    192
    Citato in
    484 Post(s)

    Predefinito

    Quanti anni hai?
    Da quanti anni lavori?
    Che aliquota irpef raggiungi?
    Per darti quanche consiglio ho bisogno di queste info

  3. #3
    Fish
    Registrato il
    Nov 2013
    Reputazione
    0
    Posts
    10
    Citato in
    1 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alex Visualizza Messaggio
    Quanti anni hai?
    Da quanti anni lavori?
    Che aliquota irpef raggiungi?
    Per darti quanche consiglio ho bisogno di queste info
    Ciao, e grazie!
    Ho 29 anni, lavoro da 2 e raggiungo il terzo scaglione Irpef.

  4. #4
    Calling Station L'avatar di Alex
    Registrato il
    Nov 2008
    Località
    Bologna
    Reputazione
    32
    Posts
    192
    Citato in
    484 Post(s)

    Predefinito

    il discorso è lungo,non riuscirò a spiegarti tutto nei minimi dettagli, ma un'idea di massima conto di dartela
    io non voglio dirti cosa fare, cercherò di spiegarti come funzionano il TFR e i Fondi pensione, poi la decisone finale tocca a te, ti dirò cosa farei io, questo sì.
    TFR in Azienda
    Si lasci il TFR in azienda lo incassi il giorno che ti dimetti, oppure puoi chiedere una anticipazione in costanza di rapporto ma solo dopo 8 anni di anzianità e solo per determinate cause (acquisto della prima casa per te o per i tuoi figli, ristrutturazioni, spese mediche urgenti). Queste sono le motivazioni per le quali l'Azienda non può rifiutarsi di darti l'anticipo, poi nel privato ci può stare che l'Azienda vada incontro ad un esigenza improvvisa di un dipendente (ho distrutto la macchina mi servono subito dei soldi) ma è una facoltà che l'Azienda ha, quindi ogni caso fa storia a sè.
    Il TFR che tu maturi si accumula anno per anno (calcola la tua retribuzione lorda annua diviso 13,5), inoltre quello accantonato al 31/12 dell'anno precedente viene rivalutato di una percentuale che va da un minimo del 1,5% maggiorato di una percentuale stabilita dall'ISTAT. Negli ultimi anni le rivalutazioni sono state:
    2017 - 2,09%
    2016 - 1,79%
    2015 - 1,5%
    2014 - 1,5%
    2013 - 1,92%
    2012 - 3,30%
    La rivalutazione calcolata è tassata immediatamente dallo Stato con aliquota attuale fissa al 17% , pertanto il giorno che incasserai il tuo TFR complessivo che sarà composto da TFR e rivalutazione la parte della rivalutazione sarà esentasse mentre la parte TFR verrà tassata provvisoriamente dall'azienda e in via definitiva (entro qualche anno) dall'agenzia delle entrate che farà una media tra i tuoi redditi dei 5 anni precedenti e le tasse relative pagate.

    TFR a un fondo pensione (FP)
    Visto che hai iniziato a lavorare dopo il 1996 mi risulta che se tu decidi di aderire a FP sei obbligato a versare il 100% del TFR (ultimamente ho letto che la cosa dovrebbe cambiare ma non ho approfondito).
    Esistono due tipi di FP, chiusi e aperti.
    Chiusi sono quelli stabiliti dal CCNL di appartenenza e ci possono aderire solo i dipendenti di quel settore, Cometa per i Metalmeccanici, FONTE per il Commercio, Byblos per i grafici. (non conosco i bancari ma poco cambia). Ovvio che se tu cambi settore lavorativo non puoi più versare a quello vecchio ma devi spostare tutti i tuoi versamenti al nuovo fondo e versare lì.
    Aperti sono invece i FP gestiti da privati, banche e assicurazioni in primis, chiunque può aderire in qualsiasi settore lavori.
    Qual'é la differenza sostanziale? Che nei fondi aperti versi solo il TFR e l'Azienda non ci mette niente, nei fondi chiusi invece, essendo previsti dal CCNL , anche l'Azienda deve mettere qualcosa (1% che dicevi) ma la cosa più interessante è la quota che decidi di mettere te.
    Quello che tu decidi di mettere lo deduci immediatamente dalle tasse, quindi ipotizziamo che versi 100 euro mese, questi 100 euro abbassano l'imponibile fiscale quindi hai un risparmio immediato del 38% (hai detto che sei al 3° scaglione), oltre agli addizionali (considera almeno un 2%).
    Paghi 100, che verranno investiti dal FP, ma tu effettivamente ne tiri fuori 60, in più al FP vengono versati 1% a carico azienda e il tuo TFR.
    Ovvio che non puoi versare un miliardo, il tetto massimo deducibile, e si considera quota azienda e dipendente ma non si considera la quota TFR, sono i vecchi 10.000.000 di lire quindi € 5.164,45
    Ti ho parlato di lire perché e ridicola la cosa, sono 18 anni che lo stato italiano non rivede i tetti di deducibilità, ma questo è un altro discorso.
    Anche se versi ad un FP puoi sempre chiedere anticipazioni TFR come se fosse in azienda.
    Il giorno che andrai in pensione e incasserai il tutto dovresti avere una tassazione molto più favorevole rispetto alla tassazione che hai lasciandolo in azienda (qua sono vago perché è un materia che non conosco)
    Allora cosa farei io visto la tua età , che lavori da due anni e che sei già al 38%?
    Aderirei al FP cercando di versare il massimo che posso permettermi come quota dipendente perché è lì che ho il vantaggio fiscale.
    Tieni conto che la percentuale che decidi di versare la puoi cambiare nel tempo, quindi massima flessibilità.
    Ovvio che potresti versare anche aderendo ad un fondo aperto ma non avresti la quota azienda.
    Secondo me te andrai in pensione tra oltre 40 anni, registrati sito INPS, c'è una funzione per simulazione della pensione che puoi utilizzare per capire quanto prenderai di pensione e fare le tue valutazioni.
    Spero di averti chiarito un minimo le idee, ciao
    CrackUrLuck, supersam and crew like this.

  5. #5
    Fish
    Registrato il
    Nov 2013
    Reputazione
    0
    Posts
    10
    Citato in
    1 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Alex Visualizza Messaggio
    il discorso è lungo,non riuscirò a spiegarti tutto nei minimi dettagli, ma un'idea di massima conto di dartela
    io non voglio dirti cosa fare, cercherò di spiegarti come funzionano il TFR e i Fondi pensione, poi la decisone finale tocca a te, ti dirò cosa farei io, questo sì.
    TFR in Azienda
    Si lasci il TFR in azienda lo incassi il giorno che ti dimetti, oppure puoi chiedere una anticipazione in costanza di rapporto ma solo dopo 8 anni di anzianità e solo per determinate cause (acquisto della prima casa per te o per i tuoi figli, ristrutturazioni, spese mediche urgenti). Queste sono le motivazioni per le quali l'Azienda non può rifiutarsi di darti l'anticipo, poi nel privato ci può stare che l'Azienda vada incontro ad un esigenza improvvisa di un dipendente (ho distrutto la macchina mi servono subito dei soldi) ma è una facoltà che l'Azienda ha, quindi ogni caso fa storia a sè.
    Il TFR che tu maturi si accumula anno per anno (calcola la tua retribuzione lorda annua diviso 13,5), inoltre quello accantonato al 31/12 dell'anno precedente viene rivalutato di una percentuale che va da un minimo del 1,5% maggiorato di una percentuale stabilita dall'ISTAT. Negli ultimi anni le rivalutazioni sono state:
    2017 - 2,09%
    2016 - 1,79%
    2015 - 1,5%
    2014 - 1,5%
    2013 - 1,92%
    2012 - 3,30%
    La rivalutazione calcolata è tassata immediatamente dallo Stato con aliquota attuale fissa al 17% , pertanto il giorno che incasserai il tuo TFR complessivo che sarà composto da TFR e rivalutazione la parte della rivalutazione sarà esentasse mentre la parte TFR verrà tassata provvisoriamente dall'azienda e in via definitiva (entro qualche anno) dall'agenzia delle entrate che farà una media tra i tuoi redditi dei 5 anni precedenti e le tasse relative pagate.

    TFR a un fondo pensione (FP)
    Visto che hai iniziato a lavorare dopo il 1996 mi risulta che se tu decidi di aderire a FP sei obbligato a versare il 100% del TFR (ultimamente ho letto che la cosa dovrebbe cambiare ma non ho approfondito).
    Esistono due tipi di FP, chiusi e aperti.
    Chiusi sono quelli stabiliti dal CCNL di appartenenza e ci possono aderire solo i dipendenti di quel settore, Cometa per i Metalmeccanici, FONTE per il Commercio, Byblos per i grafici. (non conosco i bancari ma poco cambia). Ovvio che se tu cambi settore lavorativo non puoi più versare a quello vecchio ma devi spostare tutti i tuoi versamenti al nuovo fondo e versare lì.
    Aperti sono invece i FP gestiti da privati, banche e assicurazioni in primis, chiunque può aderire in qualsiasi settore lavori.
    Qual'é la differenza sostanziale? Che nei fondi aperti versi solo il TFR e l'Azienda non ci mette niente, nei fondi chiusi invece, essendo previsti dal CCNL , anche l'Azienda deve mettere qualcosa (1% che dicevi) ma la cosa più interessante è la quota che decidi di mettere te.
    Quello che tu decidi di mettere lo deduci immediatamente dalle tasse, quindi ipotizziamo che versi 100 euro mese, questi 100 euro abbassano l'imponibile fiscale quindi hai un risparmio immediato del 38% (hai detto che sei al 3° scaglione), oltre agli addizionali (considera almeno un 2%).
    Paghi 100, che verranno investiti dal FP, ma tu effettivamente ne tiri fuori 60, in più al FP vengono versati 1% a carico azienda e il tuo TFR.
    Ovvio che non puoi versare un miliardo, il tetto massimo deducibile, e si considera quota azienda e dipendente ma non si considera la quota TFR, sono i vecchi 10.000.000 di lire quindi € 5.164,45
    Ti ho parlato di lire perché e ridicola la cosa, sono 18 anni che lo stato italiano non rivede i tetti di deducibilità, ma questo è un altro discorso.
    Anche se versi ad un FP puoi sempre chiedere anticipazioni TFR come se fosse in azienda.
    Il giorno che andrai in pensione e incasserai il tutto dovresti avere una tassazione molto più favorevole rispetto alla tassazione che hai lasciandolo in azienda (qua sono vago perché è un materia che non conosco)
    Allora cosa farei io visto la tua età , che lavori da due anni e che sei già al 38%?
    Aderirei al FP cercando di versare il massimo che posso permettermi come quota dipendente perché è lì che ho il vantaggio fiscale.
    Tieni conto che la percentuale che decidi di versare la puoi cambiare nel tempo, quindi massima flessibilità.
    Ovvio che potresti versare anche aderendo ad un fondo aperto ma non avresti la quota azienda.
    Secondo me te andrai in pensione tra oltre 40 anni, registrati sito INPS, c'è una funzione per simulazione della pensione che puoi utilizzare per capire quanto prenderai di pensione e fare le tue valutazioni.
    Spero di averti chiarito un minimo le idee, ciao
    Grazie mille, sei stato davvero gentile ed esaustivo!

    Ovviamente immagino che il TFR vada in fondi che siano a capitale in qualche modo garantito, o dipende tutto dal fondo scelto?

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •